Chi era Martin Lutero?

Riforma protestante. L'insieme dei movimenti religiosi che, nel XVI secolo, provocarono le fratture della cristianità, dando vita alle Chiese protestanti. Assieme al movimento culturale del Rinascimento, questa storica trasformazione nel modo di intendere e vivere l'esperienza religiosa si colloca agli albori della storia moderna dell'Occidente. Benché la Riforma avesse avuto inizio nel XVI secolo, quando Martin Lutero sfidò l'autorità della Chiesa, prepararono il terreno alla sua comparsa eventi di carattere politico, economico e culturale risalenti ai secoli precedenti.

La rivoluzione protestante iniziò in Germania quando Martin Lutero, nel 1517, pubblicò le sue 95 tesi schierandosi contro la pratica delle indulgenze. Le autorità papali ordinarono a Lutero di ritrattare e di sottomettersi all'autorità della Chiesa, ma egli divenne più intransigente, reclamò la riforma, attaccò il sistema dei sacramenti, affermò che la religione si fonda sulla fede individuale, illuminata e alimentata dalla Bibbia. Minacciato di scomunica dal papa, Lutero bruciò pubblicamente la bolla di scomunica e con essa un libro di diritto canonico: questo atto di sfida simboleggiava una rottura definitiva con l'istituzione ecclesiastica.

 

 

 

Martin Lutero (Eisleben 1483-1546) fu l'artefice della Riforma protestante, che esercitò un influsso fortissimo sulla cultura occidentale.

Secondo Lutero Dio comunica con l'uomo mediante la Legge e il Vangelo. Ognuno, indipendentemente dalle proprie convinzioni religiose, può accedere alla Legge attraverso la propria coscienza.
La Legge mantiene l'ordine nel mondo, nella società e nella vita individuale e avvicina l'uomo al perdono e a Cristo malgrado il peccato originale. Dio inoltre si avvicina all'uomo tramite il Vangelo, la "buona novella".

Lucia

 

Animali - Piante - Scienze - Storia - Genti e paesi
Sport - Miti e leggende - Attualità - Universo
Lettere e arti - Comunicazioni - Varie
HOME PAGE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Torna su